Una persona compila un questionario al computer

Una ricerca sull’accessibilità digitale di siti e app delle aziende e delle Pubbliche Amministrazioni

Quest’anno la legge 4 del 9 gennaio 2004 “Disposizioni per favorire l’accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici”, meglio conosciuta come legge Stanca, compie vent’anni!

Sebbene ancora oggi venga spesso disattesa rimane una pietra miliare, la cui importanza è cresciuta molto negli ultimi anni, soprattutto da quando l’accessibilità digitale è diventata un obbligo di legge anche per le aziende.

L’indagine sull’accessibilità del web

In occasione di questo importante anniversario, Yeah impresa sociale, in collaborazione con l’Università degli Studi di Verona ha avviato un’indagine scientifica per raccogliere dati sull’accessibilità digitale di siti e app delle PA e delle aziende.

Lo studio intende indagare:

  • la percezione dell’accessibilità dei servizi digitali da parte degli utenti con disabilità;
  • la consapevolezza dei cittadini con disabilità rispetto agli strumenti per la segnalazione di situazioni di non accessibilità digitale (Meccanismo di feedback);
  • le esperienze e i vissuti di esclusione e inaccessibilità sperimentati dagli utenti con disabilità nell’ultimo anno.

A chi si rivolge

È stato realizzato un questionario online rivolto alle persone con diversi tipi di disabilità (motoria, sensoriale, cognitiva ecc.).
 I dati verranno raccolti in collaborazione con le principali associazioni di riferimento per le persone con disabilità e analizzati da un team di ricercatori specializzati in metodologie qualitative e quantitative, in collaborazione con l’Università degli Studi di Verona.

Come partecipare

Vuoi aiutarci a rendere il web sempre più accessibile a tutti e a tutte? Il tuo contributo per noi è importante!

Compila il questionario

È semplice e veloce, puoi compilarlo in dieci minuti e per farlo hai tempo fino al 22 aprile 2024!

Aiutaci nella ricerca, diffondi il questionario tra i tuoi contatti! Trovi i pulsanti di condivisione in cima all’articolo.

Torna su