Alla scoperta della Verona accessibile

Da settembre tour e vacanze sulle tracce di Giulietta

Città e provincia, storia ed enogastronomia, olio, vino e riso: è ricca e variegata l’offerta di proposte turistiche pensate in vista dell’autunno dalla cooperativa sociale Yeah nel territorio scaligero per persone con disabilità e accompagnatori.

Verona è cinta da splendide mura, ma questo non la rende inaccessibile: anzi, il capoluogo e il suo circondario sono una meta privilegiata per il turismo senza barriere.

Il clima dolce, il primo fresco ad annunciare l’autunno, la maggiore vivibilità: inizia ora il periodo più bello per una escursione a Verona e dintorni, in una stagione turistica che si prolunga ben oltre l’estate.

La città di Giulietta e Romeo, al di là del mito shakespeariano, è un vero e proprio scrigno colmo di gioielli d’arte e di cultura.

Visitare il suo centro storico può avvenire attraverso un tour sensoriale a 360 gradi; una passeggiata nel "Cuore di Verona" che, oltre a permettere di ascoltare le spiegazioni sulle ricchezze artistiche ed architettoniche, consente di toccare le pietre e i monumenti seguendo un itinerario tattile, di sentire i suoni, immergendosi completamente nell’atmosfera del luogo. Da piazza Bra a piazza Erbe, alle Arche scaligere e alla casa di Giulietta, al museo Amo, accompagnati da guide autorizzate di Verona specializzate in turismo accessibile.

 

mani che toccano la pietra

 

Anche il territorio della provincia veronese offre percorsi accessibili di grande fascino, specialmente nel periodo della vendemmia: con il tour tra i vini del Soave e della Valpolicella, gruppi e associazioni potranno abbinare la tappa nella suggestiva cittadina fortificata di Soave, in albergo a quattro stelle attrezzato per la piena accessibilità, a visite in cantine limitrofe dove vengono prodotti i rinomati vini bianchi e rossi del Veronese, dal Soave al Valpolicella all’Amarone. In questo caso, innovativo è il metodo di scoperta del vino e della sua produzione: si potranno toccare le botti o ascoltare, per esempio, i lieviti che permettono la maturazione, scoprendo i diversi vini attraverso giochi ed attività tattiliolfattivesensoriali, accompagnati da un “narratore del gusto”. E’ il percorso “In vino Soavitas”, particolarmente adatto a chi ha disabilità visive.

 

degustazione di vino e prodotti tipici

 

Il “Tour del riso” permette di andare alla scoperta di un’altra delle produzioni tipiche del Veronese – che proprio tra settembre ed ottobre vive ad Isola della Scala una delle più grandi manifestazioni sul tema -, in un percorso che comprende una visita multisensoriale alla “pila più antica d’Europa per la produzione del riso, con attività manuali, in un contesto naturale di rara bellezza, ed un pranzo degustazione con portate interamente a base di riso.

 

mani che toccano il riso

 

Una formula simile è quella del "Tour dedicato all’olio", sempre con alloggio in hotel completamente accessibile e visita ad un frantoio della zona di Soave.

 

degustazione di olio

 

Ed ancora, i "Parchi Termali" della provincia di Verona, che offrono l’opportunità di una vacanza anche invernale, ideale per compagnie, gruppi ed associazioni.

 

parco termale

 

Senza dimenticare "Gardaland": lo storico parco dei divertimenti del Garda, che da quest’anno offre un nuovo servizio di accompagnamento interamente dedicato alle persone con disabilità.

 

disabili in carrozzina a Gardaland

Per informazioni e Prenotazioni:

Dott. Fabio Lotti, referente per il turismo accessibile

Tel.: 3409007443

E-mail: fabio.lotti@progettoyeah.it

Queste proposte turistiche sono state ideate da Cooperativa Sociale Quid - Progetto Yeah.

L'organizzazione tecnica e la commercializzazione dei pacchetti turistici sono di competenza del tour operator Soave Incoming by Jangada Travel s.r.l.


I nostri Tour:

Il Tour del Vino

Il Tour del Riso

Il Tour dell'Olio

Il Parco Termale

Le Recensioni di chi ha partecipato

Iscriviti alla newsletter

Iscrizione avvenuta con successo