Recensione tour del riso: dalla risaia alla tavola

Di seguito puoi leggere la testimonianza di un gruppo di non vedenti e ipovedenti romani che ha scelto le vacanza accessibile "Il Tour del Riso" a Verona.

La guida:

Il primo aspetto che ci ha colpito è la professionalità della guida, la naturalezza con cui si è interfacciata al nostro gruppo, le spiegazioni precise con l'ausilio di mappe tattili, ci hanno fatto capire che era abituata a far visite a persone con disabilità e ciò ci ha messo nelle migliori condizioni per conoscere Verona. Abbiamo compreso l'orientamento della città e dei monumenti più importanti, come l'Arena, piazza delle erbe, ecc.

La degustazione del riso:


Una volta arrivati in riseria, lo chef ci ha accolti con un pranzo degustazione a base di riso, dall'antipasto al dessert. Il sapore del riso era molto diverso da quello che troviamo al supermercato!

Per concludere al meglio il pranzo, abbiamo ricevuto dal titolare della riseria, dei preziosi consigli sulla preparazione del riso.

Visita con mano della Pila Vecia:


Nel pomeriggio, abbiamo visitato la Pila Vecia: il mulino ad acqua che lavora il riso grezzo per renderlo commestible. L'esperienza più forte è stata toccare con mano gli strumenti moderni e quelli antichi. Abbiamo provato ad utilizzare i vecchi setacci per separare i chicchi di riso dalle bucce. Incredibile come non si butti via niente del riso. Molto impressionante anche lo scroscio dell'acqua di risorgiva.

Cosa ci ha lasciato questa esperienza:

Questo tour ci ha lasciato un sentimento: quando acquistiamo un prodotto al supermercato, lo facciamo di fretta e ci soffermiamo solo sul prezzo. Esperienze come questa ti fanno capire gli aspetti culturali che stanno alla base della nostra alimentazione e delle nostre tradizioni. Oltre all'aspetto degustativo è stato bello vivere il processo produttivo e capire la vita del riso, dalla risaia ai piatti.

Vai all'itinerario accessibile Il tour del riso

Iscriviti alla newsletter

Iscrizione avvenuta con successo